Vaccinazione anti meningococco: l’Anci chiede indicazioni alla Regione Puglia

0
218
Meningite

In una nota firmata dal presidente Luigi Perrone, inviata al governatore Michele Emiliano, al direttore dipartimento Promozione salute Giancarlo Ruscitti e al direttore generale Asl Bari Vito Montanaro, Anci Puglia ha chiesto di fornire indicazioni operative per una corretta e uniforme applicazione dell’art 52 della Legge Regionale n. 40/2016, che prevede l’estensione della vaccinazione gratuita anche ai nati prima del 2014.

La Legge Regionale n. 40 del 30/12/2016, BURP 150 del 30/12/2016, all’art. 52, “ disposizioni in materia di vaccinazione anti meningococco” delibera che “E’ assicurata con oneri a carico del servizio sanitario regionale la vaccinazione anti meningococco B anche per i nati prima del 2014.

Di seguito si riporta il testo della nota 

OGGETTO: Disposizioni in materia di vaccinazione anti meningococco – art. 52 L.R. n. 40//2016

Si prende atto della legge Regionale n. 40 del 30/12/2016, BURP 150 del 30/12/2016, all’art. 52, “ disposizioni in materia di vaccinazione anti meningococco” delibera che “E’ assicurata con oneri a carico del servizio sanitario regionale la vaccinazione anti meningococco B anche per i nati prima del 2014.

La diffusione mediatica della stessa legge, sta creando numerose difficoltà agli ambulatori vaccinali, con un aumento notevole delle richieste di informazioni o di somministrazione del vaccino anti-meningococco B, anche alla luce dell’allarmismo mediatico relativo alla stessa malattia.

La stessa disposizione, va ad integrare, il vigente calendario vaccinale per la vita della Regione Puglia che prevede l’offerta della suddetta vaccinazione in modo  attivo e gratuito esclusivamente a tutti i nati a partire dalla coorte del 2014 in poi.

La stessa legge 40/16 è recepita in modo difforme nelle sei AA.SS.LL. pugliesi, poiché in alcuni territori rimangono attive le indicazioni del calendario vaccinale, in altre la stessa è attesa solo parzialmente, con una definizione autonoma delle coorti aventi diritto, in contrasto anche con quanto indicato dalla Sezione Appulo Lucana della SITI.

Si ritiene pertanto doveroso, visto il momento cogente, garantire ad un numero sempre maggiore di cittadini, indistintamente dal territorio di residenza, la possibilità di prevenire una malattia grave, quale quella meningococcica di ceppo B.

A tal proposito, al fine di una corretta e uniforme applicazione della legge in questione, si chiede a codesto Assessorato di voler fornire indicazioni operative ai servizi di competenza ritenendo utile acquisire il parere tecnico scientifico della preposta Commissione Regionale Vaccini.

Il Presidente

Sen. Luigi Perrone

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO