Taranto, tutti giù per terra – di Gianmario Leone (TarantoOggi)

9 ottobre 2013 13:32

taranto bellaTARANTO – Negli ultimi tempi notiamo una certa fibrillazione in quegli ambienti che nel corso degli anni avrebbero dovuto recitare un ruolo di primo piano nella classe dirigente della città. Improvvisamente oggi li ritroviamo ad organizzare eventi o a promuovere iniziative che non hanno più al centro solo e soltanto la grande industria e i suoi progetti invasivi ed altamente inquinanti. Addirittura li ascoltiamo declamare l’esigenza di uscire dalla logica della monocultura dell’acciaio.

Eppure proprio loro, insieme all’indecente classe politica che ha abitato Palazzo di Città negli ultimi decenni, hanno la responsabilità, non solo morale, di aver fatto sprofondare Taranto in un pantano di sabbie mobili dalle quali pare alquanto impervio uscire. Probabilmente i sindacati e Confindustria fanno finta di avere la memoria corta. Molto corta. Ma certamente noi non dimentichiamo la storia degli ultimi anni. Né siamo disposti, come invece pare essersi rassegnata gran parte della città, ad accettare una sorta di amnistia silenziosa nei confronti di tutti coloro che soprattutto negli ultimi 15 mesi hanno mutato improvvisamente e silenziosamente pelle come avviene nei rettili.

Per anni questo giornale ha utilizzato centinaia di pagine, milioni di parole, miliardi di sillabe per invitare la classe politica e dirigente tarantina ad invertire la rotta, iniziando per tempo a pensare e costruire un futuro lontano dalla dipendenza della grande industria per questa città, valorizzando le risorse del territorio e battendosi per reali alternative economiche. Abbandonando logiche di difesa oltranzista e ad oltranza di una realtà industriale oramai troppo obsoleta per poter essere salvata.

Ma non c’è stato niente da fare. Hanno preferito stare dalla parte del più forte credendo di contare davvero qualcosa. E che ciò li avrebbe salvati per sempre. Hanno preferito fare spallucce, deridere chi tentava invano di avvisarli dell’avvicinarsi dell’imminente disastro. Hanno difeso a spada tratta, per anni, i progetti della nuova centrale Enipower, “Eni Tempa Rossa”, “Nuova Cementir Italia” e soprattutto l’Autorizzazione integrata ambientale (AIA) rilasciata all’Ilva nell’agosto del 2011. Come dimenticare la manifestazione del 25 novembre 2011 all’esterno di Palazzo di Città promossa dai sindacati e da Confindustria (il punto probabilmente più basso della loro storia)? Oggi, di tutto questo, non è rimasto più nulla. Enipower ha rinunciato, mollando tutto nelle mani dell’Eni. La Cementir ha deposto nel cassetto il progetto. Ma soltanto perché entrambe hanno convenuto che il guadagno economico da tali operazioni è venuto meno. Tempa Rossa è ancora lungi dal compiersi. Sull’AIA all’Ilva e su tutto quello che riguarda il siderurgico stendiamo un velo pietoso.

E così oggi, come se niente fosse, si accorgono che intorno c’è un deserto che loro stessi hanno contribuito a creare. Con le imprese tarantine fuori dai giochi per quanto concerne i lavori di bonifica delle aree dei Tamburi e dell’area PIP di Statte; idem per i lavori sugli impianti dell’area a caldo dell’Ilva (sui quali si attende ancora di conoscere il piano di lavoro dei tre esperti nominati dal ministero dell’Ambiente), oltre a quelli per la piastra logistica del porto e quelli per Tempa Rossa (il bando fu vinto dall’azienda svizzera ABB). E pensare che per anni non hanno detto una parola sulla moria delle aziende tarantine che il gruppo Riva ha eliminato una dopo l’altra dall’indotto dell’Ilva, salvando soltanto pochi “fidati”, poi chiamati “fiduciari”.

Oggi, dopo anni di ignavia e lassismo, pretendono di essere protagonisti, di recitare un ruolo principale negli infiniti tavoli comunali, provinciali, regionali, interministeriali, nelle cabine di regia in cui si decide il futuro prossimo della città. Chiedono a gran voce di essere tenuti in considerazione, ma sanno di parlare al vento: perché assolutamente poco credibili, ma soprattutto perché abbandonati al loro destino da una classe politica tarantina, forse la peggiore degli ultimi trent’anni. Che ha deciso, vista l’aria che tira e la totale incompetenza di cui è “dotata”, che è meglio subire passivamente e senza fiatare tutto ciò che viene deciso a Roma.

Ma chi pensa che Taranto potrà salvarsi grazie alla prossima, ennesima valanga giudiziaria che arriverà con gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari e dei conseguenti rinvii a giudizio, è sulla strada sbagliata. Chi pensa che il processo (che durerà anni e anni) ai Riva e a tutti i loro sodali potrà indicare una nuova strada, insegue una chimera. Chi crede che un’infrazione europea servirà per costruire un futuro differente, sa di ingannare se stesso e gli altri. Che Taranto cambierà da un punto di vista industriale, economico e sociale, è certo: Ilva, Eni e Cementir chiuderanno, prima o poi. E’ solo una questione di tempo. I lavori al porto dureranno anni. Il destino dell’aeroporto è tutt’altro che definito.

Il tempo, anche se questa può sembrare una battuta poco felice, è dunque tutto dalla parte dei tarantini. Perché questa città, per salvarsi davvero, ha solo una via da percorrere: quella dei rapporti umani. Da ricostruire totalmente in una realtà socialmente difficile, disgregata, sfiduciata, divisa da infiniti litigi e ottuse ed idiote rivalità dovute ad un protagonismo sempre più diffuso e sempre più deleterio. I tarantini hanno bisogno prima di tutto di tornare a guardarsi negli occhi. A ritrovare fiducia prima in se stessi e poi negli altri concittadini. Hanno bisogno di tornare ad abbracciarsi e a sorridersi. Hanno bisogno di far confluire decenni di rabbia e dolore in qualcosa di positivo. C’è bisogno sì di stare insieme, ma anche soltanto per ritrovarsi. Perché senza serenità d’animo, senza fiducia nel prossimo, senza sorrisi, è davvero dura pensare di cambiare una realtà da sempre restia anche soltanto a muovere un passo verso un indefinito cambiamento.

Non si può pensare di costruire un’alternativa, un movimento, bypassando tutto questo. O credendo che un processo così intimo e sociale allo stesso tempo, debba durare il tempo di una stagione. Lo abbiamo scritto innumerevoli volte su queste colonne negli ultimi anni: la storia si cambia nel corso degli anni. Le società mutano nel corso dei secoli. Si può solo essere parte attiva del cambiamento: ma per farlo, prima ancora che avere le idee e coerenza di granito (settore nel quale in tantissimi ancora oggi purtroppo difettano), bisogna avere il cuore e la mente aperti verso gli altri. Solo così si diventa comunità. Poi, soltanto in un secondo momento, si può pensare di cambiare la storia disegnando un futuro diverso. Per tutti. Per noi stessi. E per chi verrà dopo di noi.

 Gianmario Leone (TarantoOggi, 9.10.2013)

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Altre News

  • Attualità News Dalla diossina alla canapa, oggi la semina. Fornaro: “E’ un giorno di festa”

    Dalla diossina alla canapa, oggi la semina. Fornaro: “E’ un giorno di festa”

    TARANTO – “Per noi è una giornata di festa, finalmente si ricomincia”. Vincenzo Fornaro non nasconde il suo entusiasmo mentre è in corso un evento dal grande valore simbolico: la semina della canapa su tre ettari di terreno. Protagonista di questa storia di riscatto è la masseria Carmine, reduce da anni dolorosi a causa dell’abbattimento di circa 600 capi di bestiame contaminati da pcb e diossine provenienti dall’Ilva. La semina è avvenuta sotto un cielo nuvoloso, che ha offerto anche qualche […]

    Read more →
  • Ambiente INTERVISTE News Una legge “piccola piccola” per Terra dei Fuochi (e Ilva) – Don Maurizio Patriciello a Taranto

    Una legge “piccola piccola” per Terra dei Fuochi (e Ilva) – Don Maurizio Patriciello a Taranto

    TARANTO – «Una legge piccola piccola». A mente fredda, Don Maurizio Patriciello, uomo-simbolo della lotta contro i veleni della Campania, parla così del provvedimento sull’Ilva e sulla Terra dei Fuochi approvato dal Parlamento il 5 febbraio scorso. Lo fa a Taranto, altra terra devastata dall’inquinamento selvaggio di aria, mare, suolo, falde, poco prima di partecipare ad un incontro organizzato all’interno della Concattedrale, nell’ambito della “XLIII Settimana della Fede”, sul tema “Chiamati a custodire la vita”. Presenti anche l’arcivescovo di Taranto Filippo […]

    Read more →
  • INTERVISTE News Comune di Taranto, ok a mozione su mitilicoltura – Palumbo: «Ora concretezza»

    Comune di Taranto, ok a mozione su mitilicoltura – Palumbo: «Ora concretezza»

    TARANTO – «Ora vogliamo concretezza da parte dell’Amministrazione Comunale in tema di concessioni demaniali, punti di sbarco e riduzione del prezzo del gasolio». E’ il commento di Emilio Palumbo, responsabile locale di Agci Pesca, al termine di una giornata che ha visto il Consiglio comunale approvare all’unanimità una mozione che impegna la Giunta e le Direzioni comunali competenti sui seguenti punti: 1) predisporre un intervento urgente ed indifferibile in modo da garantire la legittimità delle attività dei mitilicoltori in possesso […]

    Read more →
  • Ambiente Attualità News Marina Militare ed area ex Ip: ancora ritardi per la messa in sicurezza

    Marina Militare ed area ex Ip: ancora ritardi per la messa in sicurezza

    TARANTO – A che punto è l’iter per la messa in sicurezza dell’area ex Ip dell’Arsenale Militare all’interno del primo seno di mar Piccolo? E’ un quesito che ci poniamo periodicamente. Anche perché ci piace tornare su vicende spesso snobbate da altri, ma meritevoli della dovuta attenzione. L’ultimo nostro articolo sulla vicenda risale al 4 dicembre 2013, quando abbiamo dovuto registrare l’evidente ritardo con cui la Marina Militare ha consegnato alla Regione Puglia il progetto definitivo, documento che doveva essere […]

    Read more →
  • Ambiente Attualità News Marina Militare e mar Piccolo inquinato, dov’è la verità?

    Marina Militare e mar Piccolo inquinato, dov’è la verità?

    TARANTO – «Ciò che abbiamo garantito in conferenza di servizi procede a passo spedito. E non potrebbe essere diversamente». Sono le parole rassicuranti del capitano di vascello Fabrizio Gaeta, direttore del Genio Militare della Marina di Taranto, riportate oggi in un articolo della Gazzetta del Mezzogiorno che si sofferma sul progetto di messa in sicurezza di un’area situata nel primo seno di mar Piccolo. Si tratta del sito “Ex area Ip” dell’Arsenale Militare, interessato da una pesante contaminazione (metalli, pcb, inquinanti […]

    Read more →
  • Ambiente EVENTI-MEDIA News “Generazione Ilva”, quando ci prepariamo al “dopo”?

    “Generazione Ilva”, quando ci prepariamo al “dopo”?

    E’ sugli errori del passato e sulla precarietà del presente che si concentra il dibattito. Quando arriva il momento di confrontarsi sul “dopo Ilva”, però, le lingue si inceppano, i pensieri rallentano, gli sguardi si estraniano. E’ un fenomeno consueto a Taranto. E si materializza anche durante la presentazione del libro “Generazione Ilva” di Tonio Attino, tenuta nell’aula magna del Pacinotti alla presenza dell’autore, del giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno Fulvio Colucci e del vignettista Nico Pillinini. Sullo sfondo affiora […]

    Read more →
  • Attualità News Diossina nelle donne tarantine, polemica sui dati

    Diossina nelle donne tarantine, polemica sui dati

    TARANTO – Sono dati da prendere con le pinze quelli divulgati ieri nell’auditorium del padiglione Vinci dell’ospedale Santissima Annunziata. Il rischio è quello di cedere ad un inappropriato ottimismo. E’ stata la dottoressa Elena De Felip, ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità, a presentare i risultati del progetto “WomenBioPop”, uno studio di biomonitoraggio umano teso a valutare l’esposizione agli inquinanti ambientali organici persistenti (come diossine, pcb e pesticidi) delle donne in età riproduttiva. Con lei anche il dottor Michele Conversano, responsabile del dipartimento […]

    Read more →
  • Attualità News Salute Ilva, migliaia in strada al grido di “Taranto libera” – Le immagini

    Ilva, migliaia in strada al grido di “Taranto libera” – Le immagini

    TARANTO – Una grande manifestazione composta da tanti piccoli frammenti. Migliaia di cittadini hanno accolto l’invito del “Comitato 15 dicembre” radunandosi in piazza Sicilia per poi attraversare la città al grido di “Taranto libera”. Ognuno con la sua storia e  il suo carico di sofferenze, con uno o più lutti da elaborare.  E’ il dolore a dare fiato alla protesta, a pretendere giustizia, a invocare speranza. Un dolore profondo, soffocato in anni di disperato silenzio, manifestatosi in un incontenibile bisogno di […]

    Read more →
  • Ambiente Attualità News L’Ilva e le penne sporche, è arrivato il momento di fare pulizia?

    L’Ilva e le penne sporche, è arrivato il momento di fare pulizia?

    “Ora che l’inchiesta è conclusa e la documentazione è divenuta pubblica, l’Ordine potrà  entrare in possesso delle carte necessarie a valutare l’eventuale avvio di procedimenti disciplinari”. Lo scrive il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Puglia, Paola Laforgia, annunciando la convocazione per venerdì prossimo (30 novembre) di una riunione straordinaria del Consiglio in relazione all’inchiesta sull’Ilva di Taranto. Al centro dell’attenzione ci saranno le ipotesi di coinvolgimento di alcuni giornalisti in un sistema creato dall’azienda per addomesticare le notizie sulle attività  inquinanti […]

    Read more →
  • Ambiente News Fai emergere la tua civiltà – Taranto ti appartiene, mantienila pulita

    Fai emergere la tua civiltà – Taranto ti appartiene, mantienila pulita

    Il protagonista di questa “ipotetica” campagna di sensibilizzazione è un giovane e simpatico Taras che, sul dorso di un delfino, emerge dal mare arpionando una bottiglia di plastica, un giornale e alcune cartacce. L’headline “Fai emergere la tua civiltà” è un invito rivolto ad ogni tarantino (soprattutto quello più pigro e indifferente) a far emergere il proprio senso civico, una risorsa che potenzialmente possiede ma non sfrutta come dovrebbe, a scapito dell’intera comunità. Il pay-off “Taranto ti appartiene, mantienila pulita” fa […]

    Read more →
  • Attualità INTERVISTE News Ilva, per i cittadini liberi e pensanti è tutta colpa di Riva e dello Stato

    Ilva, per i cittadini liberi e pensanti è tutta colpa di Riva e dello Stato

    TARANTO – «Ai capireparto e ai tecnici che manifestavano davanti alla direzione abbiamo fatto una semplice domanda: contro chi protestate? Non abbiamo ricevuto alcuna riposta».  Cataldo Ranieri, portavoce del comitato “Cittadini e lavoratori liberi e pensanti” (il cui simbolo è un arrembante apecar), commenta così l’incontro avuto ieri mattina con i dipendenti Ilva che avevano dato vita ad un’assemblea spontanea in attesa delle decisioni del gip Patrizia Todisco sul piano di risanamento presentato dall’azienda e sulla minima produzione. Da Ranieri […]

    Read more →
  • Attualità News Salute L’auto blu di Clini e le strade (di Taranto) mai battute

    L’auto blu di Clini e le strade (di Taranto) mai battute

    Venerdì 14 settembre. Per Taranto sarebbe un giorno come tanti se non fosse per quell’auto blu che attraversa la città, diretta verso la Prefettura. E’ quella la sede degli incontri istituzionali, dove si parla del  futuro degli “altri”. In questo caso, gli “altri” sono innanzitutto gli abitanti del quartiere Tamburi (quello a ridosso delle ciminiere Ilva), catapultati all’improvviso sulle pagine dei giornali nazionali e stranieri. Gli “altri” sono anche gli operai dello stabilimento, in ansia per le loro prospettive occupazionali, […]

    Read more →
  • Attualità News Salute Mortalità a Taranto, ecco i dati che il ministro della Salute non dà (video)

    Mortalità a Taranto, ecco i dati che il ministro della Salute non dà (video)

    TARANTO – «Ci sono dati di notevole importanza che il ministro della Salute Renato Balduzzi tiene ancora nel cassetto». E’ quanto denunciato oggi dal presidente dei Verdi Angelo Bonelli e dal portavoce di Taranto Respira Alessandro Marescotti. Si tratta dei dati raccolti nella seconda fase dello studio Sentieri, coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità, relativo al periodo 2003-2008 (mancano i dati relativi al 2004 e al 2005). Il ministro Balduzzi ha sostenuto fino a ieri che queste informazioni sono ancora in […]

    Read more →
  • INTERVISTE News Olio extravergine made in Ilva, ecco i retroscena. Intervista a Vincenzo Fornaro

    Olio extravergine made in Ilva, ecco i retroscena. Intervista a Vincenzo Fornaro

    TARANTO -L’Ilva, il più grande siderurgico d’Europa, non ha prodotto solo acciaio (e veleni), ma anche olio extravergine di oliva. Ciò che a qualcuno potrebbe suonare come una battuta corrisponde a verità. La notizia è stata riportata in un articolo della collega Fabiana Di Cuia, pubblicato su InchiostroVerde lo scorso 27 agosto. Ed ironia della sorte, un’ulteriore conferma arriva da Vincenzo Fornaro, uno degli allevatori che ha dovuto assistere all’abbattimento dei suoi capi di bestiame  a causa della contaminazione da diossina […]

    Read more →
  • INTERVISTE News Caso Ilva, Inchiostro Verde su RadioRadicale.it

    Caso Ilva, Inchiostro Verde su RadioRadicale.it

    Intervista di Maurizio Bolognetti (Radio Radicale). http://www.radioradicale.it/scheda/359141/caso-ilva-intervista-ad-alessandra-congedo

    Read more →
  • Attualità Comunicati Polveri sottili, non c’è tregua per il quartiere Tamburi

    Polveri sottili, non c’è tregua per il quartiere Tamburi

    TARANTO – Ancora giorni di fuoco sul fronte delle polveri sottili, inesorabili  killer che incombono soprattutto sul quartiere Tamburi. Così, mentre fior di  ministri e rappresentanti politici si sgolano per negare l’evidenza (l’emergenza ambientale e sanitaria tarantina ancora attuale), le due centraline dei Tamburi – via Machiavelli e via Archimede – hanno registrato una nuova impennata dei valori di PM10 per ben quattro giorni di seguito: tra il 7 e il 10 agosto superando per l’ennesima volta  il valore limite […]

    Read more →
  • INTERVISTE News Ilva, Michele Riondino: “I tarantini sono sempre stati merce di scambio”

    Ilva, Michele Riondino: “I tarantini sono sempre stati merce di scambio”

    TARANTO – «Avrebbero dovuto produrre benessere e non solo acciaio. In realtà, a Taranto si è prodotto soprattutto disagio alimentando anche una certa paura: il famoso ricatto occupazionale. Si vive in una situazione agghiacciante: non posso dire che sto male, altrimenti qualcuno mi dice che potrei stare peggio. Non è così che dovrebbe funzionare, non è così che funziona nel mondo».  Anche una serata apparentemente leggera, come quella organizzata ieri allo Yachting Club di San Vito può diventare un’occasione per […]

    Read more →
  • News Salute I nostri auguri…

    I nostri auguri…

    Stare dalla parte della salute e dell’ambiente. Una regola semplice, da vivere come pratica quotidiana, distante anni luce dall’opportunismo di chi antepone l’interesse personale (o aziendale) a quello dell’intera comunità. I paladini dell’ambiente che agiscono “ad intermittenza”, quando non riescono ad ottenere ciò che vogliono, sono deleteri quanto gli inquinatori. Mistificano, deformano, adattano la realtà alle loro esigenze. Che siano politiche o economiche (o entrambe le cose) poco importa. I cittadini più attenti e informati, però, sapranno distinguere tra chi ha sempre […]

    Read more →
  • Ambiente News Inchiostroverde.it: da blog a testata giornalistica

    Inchiostroverde.it: da blog a testata giornalistica

    11.178 Visite 22.460 Visualizzazioni di pagina Sono questi i numeri di Inchiostroverde.it in pochi mesi di attività. Numeri che ci spingono a guardare avanti con rinnovata fiducia, non più come semplice blog ma come testata giornalistica iscritta al n. 10/2011 del Registro Giornali e Periodici del Tribunale di Taranto. Grazie a tutti voi per aver dato forza a questa avventura!

    Read more →
  • News Ok News Le ali della libertà – All’oasi “La Vela” liberati 19 uccelli

    Le ali della libertà – All’oasi “La Vela” liberati 19 uccelli

    “Il Vostro corpo, dalla punta del becco alla coda, dall’una all’altra punta delle ali, non è altro che il vostro pensiero, una forma del vostro pensiero, visibile, concreta. Spezzate le catene che imprigionano il pensiero, e anche il vostro corpo sarà libero”  (Il gabbiano Jonathan Livingston – Richard Bach) TARANTO –  In volo verso la libertà. Verso quel cielo luminoso tanto agognato. Diciannove uccelli sono stati liberati, questa mattina, nel Parco Regionale “Palude La Vela” dall’Osservatorio Faunistico Regionale. Presenti il prof. Antonio Camarda […]

    Read more →
  • Attualità News Ilva, emissione anomala dall’Acciaieria 1

    Ilva, emissione anomala dall’Acciaieria 1

     L’Ilva ha comunicato agli organi di controllo ambientale e sanitario e ai carabinieri che nel pomeriggio di ieri si e’ registrata un’emissione non convogliata dall’acciaieria 1 dello stabilimento di Taranto. L’inconveniente tecnico, che non ha avuto conseguenze, sarebbe attribuibile a una dispersione non controllata in aria di sostanze derivanti dalla lavorazione dell’acciaio. L’anomalo funzionamento, a quanto si e’ appreso, avrebbe riguardato l’impianto di regolazione delle emissioni al convertitore 2. (Ansa)

    Read more →
  • Ambiente News Galletti: “Non ci sarà mai un Ilva 2 senza un profondo rispetto del piano ambientale”

    Galletti: “Non ci sarà mai un Ilva 2 senza un profondo rispetto del piano ambientale”

    ”I nostri sforzi non danno ancora risultati veri e la terra dei fuochi è ancora assoluta emergenza, ma alla fine vinceremo noi”. Lo dice il  ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, in un’intervista rilasciata ad Avvenire. ”La terra dei fuochi – continua Galletti – era e resta un’assoluta priorità; non molliamo nemmeno di un millimetro”, dice. Quindi Galletti illustra il piano di fine 2014: ”Entro cento giorni sarà svolta vera. Arriveranno nuovi soldati perché è vitale garantire una maggiore presenza dello […]

    Read more →
  • Ambiente News Ilva, Corrado Carrubba è il nuovo sub-commissario

    Ilva, Corrado Carrubba è il nuovo sub-commissario

    Il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha nominato l’avvocato Corrado Carrubba, 53 anni, sub-commissario dell’Ilva. Lo rende noto il ministero, aggiungendo che la nomina e’ stata trasmessa alla Corte dei Conti.  E’ lui, quindi, a sostituire Edo Ronchi. Dopo la laurea in Giurisprudenza, Carrubba ha conseguito una specializzazione in diritto ambientale, materia di cui si e’ occupato in vari incarichi che ha ricoperto.  Dal febbraio 2007 è commissario straordinario dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale (Arpa) del Lazio. E’ componente del Comitato […]

    Read more →
  • Comunicati News Minacce di morte a Bonelli, la solidarietà dei Verdi

    Minacce di morte a Bonelli, la solidarietà dei Verdi

    Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa dei Verdi della provincia ionica, firmata da Gregorio Mariggiò,  relativa alle minacce di morte ricevute telefonicamente da Angelo Bonelli, consigliere comunale di Taranto e co-portavoce nazionale del movimento. I Verdi della Provincia di Taranto esprimono la loro solidarietà all’uomo, al politico, all’ecologista, all’amico Angelo Bonelli che tutti i giorni è in prima fila e lotta sul campo contro l’inquinamento, per la salute degli esseri viventi, per la tutela del territorio, per la legalità e la […]

    Read more →
  • News Ok News “Notte della Taranta”: ecco come raggiungerla in bicicletta

    “Notte della Taranta”: ecco come raggiungerla in bicicletta

    L’associazione Salento Bici Tour, in collaborazione con la Federazione Italiana Amici della Bicicletta, ha organizzato anche quest’anno uno spostamento in bicicletta per raggiungere la kermesse finale di Melpignano. Quest’anno carovana speciale formata da decine i ciclisti, provenienti da tutta Italia (in particolare Genova, Torino, Milano, Bologna), che partecipano a un viaggio di una settimana denominato “Bike&Taranta”, tutto sulle due ruote a trazione umana. Il tour, organizzato in collaborazione con l’associazione “Vacanze della taranta – folkitalia”, li porterà ad esplorare gli […]

    Read more →
  • INTERVISTE News Ilva, Assennato (Arpa Puglia) replica a Peacelink su Ipa: “Valutazioni senza fondamento”

    Ilva, Assennato (Arpa Puglia) replica a Peacelink su Ipa: “Valutazioni senza fondamento”

    TARANTO -  ”Al professor Marescotti risponderemo con calma, ma posso anticipare che le sue valutazioni sono completamente prive di fondamento”.  Il professor Giorgio Assennato, direttore generale di Arpa Puglia, raggiunto telefonicamente da InchiostroVerde, commenta così i dati forniti questa mattina alla stampa dall’associazione ambientalista Peacelink in merito  ai valori di Ipa (Idrocarburi Policiclici Aromatici) registrati nel quartiere Tamburi. Utilizzando lo stesso modello di calcolo usato da Arpa Puglia nel giugno 2010, Peacelink è arrivata alla conclusione che nonostante gli Ipa siano calati per […]

    Read more →
  • Comunicati News Tempa Rossa, Bonelli replica a Baio

    Tempa Rossa, Bonelli replica a Baio

    Ho letto con attenzione la risposta dell’assessore Baio, mi sarei aspettato una risposta del sindaco,  ma pazienza… Su suo invito mi sono preso una pausa di riflessione, che è durata 5 minuti esatti. Il tempo di verificare sul sito del comune di Taranto quale fosse il documento inviato il 13 di agosto al ministero dello sviluppo economico. Conclusa la mia riflessione posso dire e confermare che l’assessore Baio si dimostra essere inadeguato a svolgere la funzione istituzionale che ricopre. Perchè? 1) […]

    Read more →
  • Comunicati News Tempa Rossa (Eni), Baio: “Bonelli fa ricorso alla calunnia”

    Tempa Rossa (Eni), Baio: “Bonelli fa ricorso alla calunnia”

    “Non è la prima volta che il consigliere Bonelli fa ricorso alla calunnia per esprimere e divulgare notizie fantasiose frutto del suo repertorio politico. Le sue dichiarazioni, pubblicate sulla stampa in data 18 agosto 2014 con carattere virgolettato riportano che “il sindaco Stefàno su Tempa Rossa, come sull’Ilva, gioca due parti in commedia; a Taranto dice che è contro ma a Roma concorda strategie per non opporsi al progetto”. Quanto di più falso che con forza restituiamo al mittente con preghiera […]

    Read more →
  • Ambiente News

    Ilva, Peacelink: “Commissione Ue deciderà altre azioni contro inquinamento”

    L`associazione ambientalista Peacelink ha ricevuto una lettera dal Commissario europeo all`Ambiente Janez Potocnik il quale esprime preoccupazione per le conclusioni dell`aggiornamento dello studio “Sentieri” (che conferma la criticità della situazione sanitaria di Taranto e Statte) e rassicura che la Commissione europea continuerà a monitorare da vicino la situazione affinchè le autorità italiane facciano rispettare l`Aia all`Ilva. Potocnik, infine, scrive agli ambientalisti tarantini che “la Commissione europea deciderà rapidamente quale ulteriore azione intraprendere nel quadro della procedura di infrazione, con il […]

    Read more →