Ilva, Nicola Riva sta per firmare l’ok per il rientro in Italia di 1,3 miliardi

0
994

Entro il 24 maggio prossimo Adriano Riva firmera’ la transazione per il rientro in Italia di 1,3 miliardi di euro destinati all’Ilva di Taranto, come previsto dagli accordi preliminari firmati nel dicembre scorso con i commissari dell’acciaieria. E’ quanto e’ emerso dall’udienza preliminare di oggi al tribunale di Milano per discutere della proposta patteggiamento avanzata dalla difesa dell’imprenditore Adriano Riva, indagato per bancarotta, truffa ai danni dello Stato e trasferimento fraudolento di valori. Adriano Riva punta a patteggiare una pena di due anni e sei mesi con rinuncia alla prescrizione. La decisione sul patteggiamento verra’ presa dal Gup Chiara Valori nella prossima udienza, fissata in calendario proprio per il 24 maggio. (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

Direttore responsabile - Laureata in Scienze della Comunicazione all'Università del Salento con una tesi di laurea dal titolo “Effetti della comunicazione deterministica nella dicotomia industria/ambiente”, incentrata sulla questione ambientale tarantina. Ha collaborato con il TarantOggi, Corriere del Giorno, Voce del Popolo, il Manifesto, Radio Cittadella (SegnoUrbano On Air), Corriere del Mezzogiorno, Nota Bene. Cura l’ufficio stampa del WWF Taranto per il progetto “Ecomuseo del mar Piccolo”. Il 21 novembre 2013 è stata premiata nella categoria “Giornalismo” nell’ambito della Rassegna Azzurro Salentino. Ha partecipato a "Fumo negli occhi", documentario sull'Ilva e sull'inchiesta "Ambiente Svenduto".
CONDIVIDI
Articolo precedenteLa toccante storia di due bambini nel nuovo cortometraggio di Fabio Matacchiera
Articolo successivoIlva, ampliamento cava Mater Gratiae: arriva il “no” del Comune di Statte su alcuni lotti

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO