A Brindisi convegno del WWF sulla decarbonizzazione

Centrale Enel di Brindisi

Tra tutti i combustibili fossili, il carbone è quello più inquinante: dalla sua combustione viene liberato il 46% delle emissioni globali di CO2. Da solo, è quindi in grado di vanificare qualsiasi sforzo di mitigazione del cambiamento climatico. Numerosissimi studi scientifici hanno inoltre dimostrato come l’inquinamento causato dai combustibili fossili sia causa di gravi patologie umane.

Brindisi è una delle città più esposte al problema, ospitando ben due centrali a carbone: la Federico II, che è la più grande e inquinante d’Italia, e la centrale di Brindisi Nord, al momento provvisoriamente ferma, ma che negli anni di attività ha fortemente danneggiato l’ambiente e la salute della popolazione. Il WWF si batte da anni per la chiusura delle centrali a carbone e per l’adozione di una seria strategia di decarbonizzazione che trasporti il nostro paese fuori dal più inquinante e pericoloso dei combustibili fossili nel minor tempo possibile.

Con la conferenza “Il carbone è il passato, un futuro più pulito è possibile: gli impatti del carbone e le opportunità della decarbonizzazione a Brindisi” il WWF presenterà il nuovo Dossier Carbone 2016, che fa il punto sui trend del carbone a livello internazionale e italiano e affronta il tema dell’impatto sanitario, climatico ed economico del carbone. Ci sarà poi focus specifico sul caso Brindisi, evidenziando al contempo i vantaggi e le opportunità della decarbonizzazione. Appuntamento lunedì 19 dicembre, alle ore 17,00, a Palazzo Nervegna, in via Duomo, 20.

Fonte: http://www.wwf.it/news/notizie/?26982/Carbone-luned-19-appuntamento-a-Brindisi

Be the first to comment on "A Brindisi convegno del WWF sulla decarbonizzazione"

Tinggalkan komentar