Green Economy: in Oman per promuovere il Made in Italy

green jobs trani

Procede a ritmo sostenuto il road show mondiale di Ecomondo. E dal 23 al 25 maggio prossimi, le 32 tappe previste in ogni continente in avvicinamento al grande appuntamento espositivo di Rimini Fiera, fissato dall’8 all’11 novembre prossimi, celebreranno uno degli appuntamenti più importanti: quello in Oman, dove Rimini Fiera parteciperà come partner strategico all’evento OWES (Oman Waste & Environmental Services) nell’ambito della Oman Utility Week.

Per quanto riguarda i rifiuti, l’Oman ha una elevatissima produzione – circa 4.700 tonnellate di rifiuti urbani al giorno – ed è alle prese con una realtà fatta di 350 discariche, molte delle quali abusive e sparse sul territorio. Sono sostanzialmente assenti gli impianti di raccolta e smaltimento, tranne l’esperienza guida di Al Amerat. Per risolvere l’emergenza sono stati stanziati straordinari investimenti, circa 160 milioni di dollari, destinati alla riconversione delle discariche. L’Oman, primo Paese arabo ad avere un ministero dell’ambiente, mira a divenire il capofila di una nuova ‘visione green’ per tutto il Golfo, con una programmazione di interventi di eccezionale impatto.

A OWES, Ecomondo coordinerà l’Italian Pavillion, spazio espositivo dedicato alle imprese italiane; nel corso dei qualificati convegni in programma interverranno Francesco Fatone, del Comitato Tecnico Scientifico di Ecomondo, con una relazione sul tema del riutilizzo delle acque reflue, e Giovanni De Lisi della Green Rail, che presenterà una realizzazione italiana che riguarda traversine ferroviarie in gomma e plastica riciclata. L’obiettivo dell’appuntamento, che si terrà nella capitale Muscat, è quello di sviluppare una forte presenza di aziende italiane impegnate nelle tecnologie per l’ambiente.

Be the first to comment on "Green Economy: in Oman per promuovere il Made in Italy"

Tinggalkan komentar