Bonifica Tamburi e mar Piccolo, la Corbelli al TG 3 Puglia: “L’importante è cominciare”

Bonifiche Taranto

vera corbelliTARANTO – «Il mar Piccolo rappresenta l’emblema dei problemi di Taranto perché è un ecosistema di grandi potenzialità e di grande valore nei confronti del quale stiamo lavorando con un approccio innovativo di tipo tecnico-scientifico». Lo ha detto il Commissario straordinario per le bonifiche Vera Corbelli durante un’intervista rilasciata al TG 3 Puglia nell’edizione  odierna delle 14. «Stiamo cercando di capire le cause che hanno determinato questa compromissione del mar Piccolo – ha aggiunto – non parliamo solo del discorso industriale, ma di tutto ciò che a Taranto è stato realizzato tipo l’Arsenale Militare. Pertanto, abbiamo creato una rete con tutti gli enti interessati, dalla Marina Militare alla Capitaneria di Porto e le Università per avviare le attività necessarie».

Niente di nuovo, quindi, rispetto a ciò che InchiostroVerde aveva già reso noto nelle scorse settimane. Accantonato il progetto entusiasticamente  “sponsorizzato” da Ance e Confindustria Taranto, relativo ad un esperimento di “capping rinaturalizzante”, ritenuto dalla stessa Corbelli non praticabile nel mar Piccolo, si va verso le direzioni di marcia già indicate nel corso delle audizioni avute con associazioni di categorie e comitati ambientalisti: attività di pulizia dei fondali e delle coste, con l’ausilio della Capitaneria di Porto, e attività di sminamento con la collaborazione della Marina Militare.

Nei fondali del mar Piccolo, infatti, si trova di tutto: dai frigoriferi alle automobili, oltre a ordigni bellici risalenti all’ultimo conflitto mondiale. Si tratta di compiere  a breve termine dei primi passi, piccoli e pratici, prima di affrontare decisioni di più ampia portata sulla bonifica e il recupero del primo seno, inquinato da pcb, diossine e metalli pesanti, ed off limits per la mitilicoltura dal luglio del 2011. Scartata l’ipotesi dragaggio, ritenuta altamente pericolosa da esperti e ambientalisti, si sta valutando la possibilità di intervenire con un progetto “pilota” nell’area 170, quella che risulta più inquinata in assoluto.

Di più, al momento, non è dato sapere. L’intervista rilasciata nello studio del TG 3 non ha permesso di andare oltre. C’è stato giusto il tempo per fare un cenno agli interventi di bonifica nel quartiere “Tamburi”. «Gli interventi di riqualificazione di cinque scuole del rione cominceranno a giugno – ha dichiarato la Corbelli – finora si è avviata l’estrazione dei 30 cm di materiale dei terreni risultati contaminati a seguito di analisi e caratterizzazioni». In merito alla dotazione finanziaria a disposizione, la Corbelli ha detto che si sta attivando per poter accedere ad ulteriori stanziamenti per le attività a lungo termine cercando di attingere anche dai fondi comunitari. «L’importante è iniziare a utilizzare i fondi a disposizione  – ha detto commentando le polemiche sull’esiguità delle risorse finora concesse  – altrimenti parliamo soltanto e non siamo operativi».

Alessandra Congedo

IL CONTATORE DELLE SPESE COSI’ COME APPARE NEL SITO UFFICIALE DELLA STRUTTURA COMMISSARIALE

contatore spese

Be the first to comment on "Bonifica Tamburi e mar Piccolo, la Corbelli al TG 3 Puglia: “L’importante è cominciare”"

Tinggalkan komentar